Banca d’Italia perde 7,1 miliardi nel 2023… chissà perché??

3 Aprile 2024 | Attualità, Economia, News | 1 commento

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani)

Esattamente un anno fa vi avevo messo in guardia su quella che sarebbe stata la nuova frontiera delle favole, con un articolo chiarificatore di quello che è il nuovo dogma – da credere senza nemmeno provare ad interrogarsi – che andrà ad integrare il pensiero unico di una moneta perennemente scarsa e fornita a debito.

Sto parlando delle perdite, allora preventivate ed oggi conseguite dalle banche centrali ed i relativi bilanci in rosso che affetteranno le finanze dei governi, resi ormai dei veri e propri accattoni, totalmente dipendenti dalle stesse.

“Rosso di bilancio per Palazzo Koch, assorbito con gli accantonamenti pregressi. Nel 2025 il ritorno all’utile. Il governatore Panetta invoca una razionalizzazione dei costi di Via Nazionale grazie al digitale” [1] – si legge sul quotidiano torinese La Stampa, come se si stesse parlando di una qualsiasi altra azienda appartenente al settore privato.

Dopo aver ormai equiparato gli stati a società per azioni ed i loro governi a buoni padri di famiglia, per i poteri che ci comandano non resta che consolidare tra la gente la credenza che le banche centrali siano delle vere e proprie entità aziendali che necessitano di operare secondo la logica economica dei costi e dei ricavi.

Superato questo step, la fine degli stati democratici moderni sarà una realtà ed il ritorno tanto desiderato dai lor Signori, ad un sostanziale feudalesimo in salsa moderna, dove la moneta tornerà ad essere ad uso esclusivo del Signore, sarà completato.

Dicevamo della logica dei costi e dei ricavi – che sappiamo essere il principio contabile con cui si identificano gli utili e le perdite finanziarie di imprese e famiglie – come il nuovo dogma che si intende far credere agli ignari, in base al quale per inciso debbano allinearsi anche le banche centrali.

Solo che gli istituti centrali a differenza di qualsiasi altra azienda al mondo, hanno il grande ed esclusivo vantaggio di essere i produttori, in regime di monopolio, della materia con cui si traducono in realtà finanziarie i tanto desiderati utili e si coprono le alquanto noiose perdite.

Sto parlando dei soldi!

E’ ormai patrimonio dell’umanità che la creazione netta del denaro avvenga esclusivamente per opera delle banche centrali, alle quali è concesso di farlo, come già sottolineato, in regime di monopolio per mezzo della forza legislativa degli stati. E sono gli stati stessi a dare valore nonché rendere necessaria al sistema economico che opera sul territorio, la valuta prodotta dalle banche centrali, attraverso l’imposizione fiscale (anch’essa frutto di una legge dello stato).

Ora ditemi voi se già con queste brevi delucidazioni è plausibile considerare le banche centrali alla stregua di una normale azienda che opera nel settore privato?!

Ed infatti non lo è!

E’ la Banca centrale Europea (Bce) stessa a rendercelo chiaro,  in base a quanto scrive nel documento n° 169 del aprile 2016 – dal titolo Profit distribution and loss coverage rules for central banks – e precisamente alla nota n°7 a pagina 14, che recita:

Le banche centrali sono protette contro l’insolvenza a causa della loro capacità di creare denaro e possono perciò operare con patrimonio netto negativo”.

Allora che senso ha parlare di perdite in riferimento alle banche centrali? quand’unque le stesse possono coprirle attraverso una semplice creazione di denaro out of thin air, che tradotto nella nostra lingua, significa letteralmente: dal nulla!

Nessun senso! eccetto quello di continuare a far credere che i soldi siano scarsi e che per averli dobbiamo farceli prestare da chi invece ne ha già ricevuti in abbondanza, dal medesimo produttore.

Il paradosso è che ad essere costretti ad elemosinare denaro sono persino gli stati, che come detto sono coloro che hanno l’autorità di concedere il monopolio della creazione della moneta.

Come conseguono le perdite le banche centrali?

Semplice, attraverso la funzione di politica monetaria a loro affidata, di alzare ed abbassare i tassi di interessi finiscono di fatto per sconfinare in quella che è la politica fiscale di competenza dei governi. Ovvero concorrono a fornire reddito da interessi a chi nel settore privato già dispone di risparmio. In primis al settore bancario che sappiamo detenere conti di riserva presso di esse.

Non per niente, in conseguenza dei recenti ed a dir poco selvaggi aumenti dei tassi operati dagli istituti centrali, le banche stanno conseguendo colossali profitti. [2] 

Altro modo con cui le banche centrali arrivano a conseguire delle perdite di bilancio, sempre attraverso la loro attività di politica monetaria, è quello di acquistare asset finanziari (anche privati). Tale politica espansiva avviene con il supposto intento di dare sostegno ad un sistema economico chiaramente in crisi di domanda per una evidente mancanza di liquidità, che di fatto è da ricondurre a precedenti politiche restrittive messe in atto appunto dalle banche centrale stesse e dai governi.

Sostituendosi ormai in tutto e per tutto al ruolo affidato ai governi dotati di investitura democratica, le banche centrali, attraverso decisioni guidate da un libero arbitrio che va oltre ogni divinità, arrivano persino ad acquistare titoli così detti junk (“spazzatura”), la cui rimborsabilità è pressoché compromessa.

Insomma se una banca centrale registra una perdita di contro qualcuno ha conseguito un utile! ecco che le banche centrali di fatto si ritrovano a consegnare denaro vero a quei soggetti che hanno il privilegio di interagire con loro. E gli ingenti utili conseguiti dal sistema bancario sono lì a dimostrarlo.

Come affetta questa chiara ed apparente frode sui governi e di conseguenza sulle nostre vite?

Anche qui è molto semplice, basta ricordare il recinto finanziario dove sono stati ormai da tempo confinati i governi: il famoso pareggio di bilancio per i paesi considerati al momento virtuosi in attesa di essere saccheggiati in futuro ed il surplus al quale sono costretti quelli che invece si intende sottoporre a saccheggio immediato.

E’ chiaro che una banca centrale che registra perdite di bilancio pur non avendone la necessità, si trova nella condizione di poter giustificare il non-trasferimento al Tesoro di tutti quegli utili conseguiti attraverso quella attività così detta di signoraggio, derivante appunto dal poter gestire il monopolio della creazione dal nulla della moneta.

Ecco che i governi, come detto costretti ad agire nelle ristrettezze finanziarie, con minor denaro a disposizione si trovano costretti a tagliare voci di spesa nel loro bilancio essenziali per il paese.

Ed il fatto che tali perdite siano state coperte con l’utilizzo di precedenti accantonamenti presenti nei bilanci di Bankit, ci deve lasciare ancora più consapevoli della consistenza della frode in cui si intende continuare a portare a spasso il popolo sovrano. Tali accantonamenti di tutta evidenza, sono anch’essi frutto del già citato signoraggio e non sarebbero dovuti nemmeno esistere, ma essere già stati girati al Tesoro al momento del loro conseguimento.

Cosa sarebbe accaduto a livello contabile se tali accantonamenti non fossero esistiti oppure cosa accadrà ora che gli stessi sono esauriti, in caso di nuove perdite? Bankit chiederà una ricapitalizzazione al Tesoro? che significa chiederla a cittadini ed imprese.

Siamo oltre la farsa più plausibile ed immaginabile!

Spero che la maggioranza di noi se ne renda conto!

di Megas Alexandros

Note:

[1] Banca d’Italia, perdita da 7,1 miliardi nel 2023. A pesare il rialzo dei tassi d’interesse – La Stampa

[2] Banche italiane: utili record nel 2023 grazie alla Bce….. “ce lo chiede l’Europa” – Megas Alexandros

Articoli Correlati

1 commento

  1. cincinnato1961

    quello che sta succedendo oggi non è apparso dal nulla,ma ha una strategia ben precisa architettata decenni orsono, da quando cioè il mondo è stato costretto ad adottare il petroldollaro che ha consentito agli usa non solo di vivere di rendita,ma ad una cerchia ristretta di “persone” l’accumulo stratosferico di moneta vera….titoli asset strategici di ogni angolo del mondo il cui riciclaggio si è riversato sui fantomatici edge fund e comunque sui gestori dei cosiddetti grandi patrimoni. e.nascevano proprio in quegli anni aziende come pietra nera roccia nera avanguardia street etc…
    Entita finanziarie che in pochi anni hanno ridistribuito le loro ricchezze su oltre il 50% dell’economia reale globale,controllando di fatto tutto il sistema.
    Ma a questa gente non basta sedere al timone delle imprese dell’economia reale…loro vogliono il potere assoluto….e con l’ausilio di politici accademici e soprattutto intellettuali mediatici stanno completando la loro impresa..
    le banche centrali,da loro controllate creano moneta a bizzeffe trasformandola in passività degli stati di riferimento …che con la scusa della ricapitalizzazione debbono ricorrere ai gestori delle grandi fortune, i quali attraverso il leverage buy out..cioè proprio con gli stessi soldi delle passività degli stati, essi verranno spogliati delle loro ricchezze…come da esempio propedeutico greco…
    cioè le passività di uno stato diventano tasse..che la maggioranza dei cittadini non potrà pagare e allora pignoreranno tutti i loro beni fino a quando non avrai e possederai più nulla e sarai felice…
    ps.riguardo alla spinta sempre più accentuata al decremento della popolazione occidentale(pandemia guerra denatalita etc)dovresti essere al corrente di certi studi circolanti già una decina di anni fa secondo i quali i fondi pensionistici ed assistenziali dei maggiori paesi occidentali sarebbero rimasti totalmente a secco nel 2028-2030…..e quindi avrebbe senso la sostituzione etnica con gente che fa ripartire il sistema daccapo…

    …e scusa la stesura approssimata….ma di questi argomenti sono talmente avvezzo da 40 anni ed oltre..che ne parlo come fossero bruscolini–mentre un interlocutore non cosciente di quello che sta succedendo mi prenderebbe per folle,piu che complottista…
    comunque mi sembra di avertela già posta un altra volta questa domanda..e te la pongo ancora:
    chi ha condannato a morte GesùCristo?
    i romani?gli ebrei? o il pecorume che Cristo cercava di svegliare e salvare?
    io siccome la risposta la conosco da sempre….dico solo che il pecorume si merita il PEGGIO DI TUTTO IL PEGGIO…
    (vedi le covid-minkiate—vedi recente protesta agricoltori che avrebbe dovuto coinvolgere tutti perché non riguardava certo qualche fitofarmaco o stronzata green, vedi conflitto russia ucraina..MA SOPRATTUTTO VEDI QUELLO CHE STA SUCCEDENDO IN PALESTINA…MA NON DA OGGI BENSì DA OLTRE 70 ANNI….)
    CIAO..

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEGA ALEXANDROS (ALIAS FABIO BONCIANI)

Economista
Modern Monetary Theory specialist
Author of ComeDonChishiotte