Bagnai o “Bagnarola”….. come si cambia sulla poltrona! (parte 2^)

"Se i salari sono bassi è colpa dei sindacati e dei governi di sinistra" - tuona ancora il capo economista della Lega e Presidente della 6^ Commissione Finanze del Senato della Repubblica. "Non esiste un tema di salario minimo in Paesi come l’Italia, dove la contrattazione collettiva ha una copertura estesissima”. Fine delle trasmissioni, anche questo governo non ha la minima intenzione di svoltare sui salari.

11 Aprile 2023 | Attualità, Economia, MMT, News | 5 commenti

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani)

Per parlare di lavoratori e salari, ritengo necessario aprire questo articolo invitandovi a leggere e riflettere su questo scritto di Paul Davidson – professore presso l’Università del Tennessee – un macroeconomista americano che è stato uno dei principali portavoce del ramo americano della scuola post-keynesiana in economia.

Lo scritto fa da introduzione al lavoro di Warren Mosler – padre fondatore della teoria della Moneta Moderna (MMT) – Full Employment AND Price Stability – che riporto nelle note finali per chi avesse voglia di approfondire maggiormente l’argomento. [1]

“… si vuole spiegare il fatto empirico che la disoccupazione involontaria è unicamente associata alle economie contrattuali che utilizzano il denaro. In altre parole, le economie reali che non utilizzano il denaro e i contratti di lavoro monetari per organizzare la produzione (ad es, feudalesimo, economie di schiavi, abitanti delle Isole del Sud scoperti da Margaret Meed, ecc.) possono avere importanti non linearità e persino un futuro incerto, ma non c’è mai un problema di disoccupazione involontaria. Gli schiavi sono sempre pienamente occupati come i servi della gleba nel feudalesimo……. Infine, va notato che le mandrie di animali, i banchi di pesci, ecc. si organizzano insieme per risolvere i problemi economici di Cosa? Come? Per chi? Senza usare il denaro, i contratti o i mercati, questi animali devono affrontare comunque complessi problemi non lineari nella ricerca del cibo e nell’interazione con altri branchi. Eppure gli animali non soffrono mai di disoccupazione involontaria!”

Il lavoro e soprattutto la sua retribuzione sappiamo bene essere uno dei temi fondamentali, se non il più importante, che riguarda la maggioranza degli abitanti del nostro pianeta e ne influenza in modo determinante le loro vite.

Sulla linea immaginaria dove corre il numero delle ore lavorative, la condizione ed il trattamento economico dei lavoratori, viene a posizionarsi anche il limite invalicabile, oltre il quale un sistema economico possa dirsi di fatto, in modo più o meno esplicito, basato sulla schiavitù e lo sfruttamento degli essere umani.

Le parole del professor Davidson sono chiare e limpide, nell’indicare dove e quando si inizia a riscontrare il fenomeno della disoccupazione involontaria: il fenomeno è entrato a far parte delle nostre economie solo e soltanto quando sono comparsi due elementi: la moneta e le tasse.

La moneta ed i salari sono da sempre le uniche due alternative con cui è possibile mantenere in equilibrio i sistemi economici moderni, mediante la svalutazione della prima o deflazionando dei secondi.

Se con la svalutazione della moneta non muore nessuno, al contrario con la deflazione salariale infinità invece si arriva allo quello status di sostanziale schiavitù con famiglie ed imprese costrette quotidianamente a sofferenze immani. In sostanza quello che sta avvenendo nel nostro paese in conseguenza delle politiche di austerity e deflazione salariale in atto da oltre due decadi.

Di questo pare che il nostro Alberto Bagnai – ribattezzato “Pluto”, tra chi frequenta i corridoi di Palazzo Madama – se ne renda ben conto, tant’è vero che nel 2016 – quanto ancora la politica l’aspirava e non la respirava – dalle colonne del Wall Street Italia, da keynesiano convinto, si prese la rivincita nei confronti dell’allora ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, costretto alla verità dottrinale in materia, rispetto alla sua nota posizione di estremo difensore del pensiero unico globalista, che vede come unica strada per tornare competitivi all’interno del sistema dei cambi fissi dell’euro, la deflazione salariale.

Ecco quanto dichiarò Bagnai allora:

“Se il resto del mondo va in crisi, compra di meno da noi. Visto che il cambio non può flettersi, per rilanciare le esportazioni dobbiamo far calare i prezzi dei nostri prodotti, e quindi i rispettivi costi, primo fra tutti quello del lavoro. Ma siccome nessuno accetta volentieri un taglio del salario, ecco che con austerità e Jobs act si crea un po’ di disoccupazione, sperando che chi si trova a spasso accetti di farsi pagare di meno, e che ciò renda più “competitivi” (cioè più convenienti per l’estero) i nostri prodotti”. [2]

Sono passati quasi sette anni da allora e Bagnai oggi con i polmoni pieni dell’aria che si respira nelle putride stanze della politica, non solo si muove alla perfezione quando è seduto sui banchi dell’opposizione, ma è diventato persino maestro su come farsi scivolare le verità di dosso quando invece il suo partito occupa le poltrone di governo.

E se quando la Lega governava con i cinquestelle, fu abile prima ad ingannare gli elettori che gli chiedevano conto, con la storiella dei numeri primi 17 e 71 (“con il 17% fai quello che puoi mentre con il 71% quello che vuoi”) e salvato poi da Salvini, che nel tempo di bere un mojito al Papeete, lo riportò nelle più tranquille poltrone dell’opposizione. Oggi invece la strada per evitare di mettere la faccia sulle “fregnacce” che è costretto a sostenere per stare di nuovo seduto sulla meno comoda poltrona di governo, è pressoché impossibile da percorre e sempre più priva di scuse da raccogliere.

Ecco che il buon Alberto, tirato in ballo sul tema scottante del salario minimo, è costretto a tirare fuori dal cilindro un classico del repertorio del politico modello:

“Salari bassi? colpa di Sindacati e sinistra. La sinistra negli ultimi 40 anni ha assistito al crollo della quota salari, ragione per cui ora non può fare la paternale in materia di redistribuzione fiscale”.

Perfetto, come da manuale si tira in ballo il predecessore! ad onor del vero, con una verità direi perfettamente lapalissiana.

In effetti, come dargli torto, visto che numeri, grafici e profonde ferite sulla nostra pelle, ci dicono in modo chiaro ed incontrovertibile che l’Italia è l’unico paese in Europa dove in 30 anni i salari medi sono persino calati [3]:

Eh sì! non vi è alcun dubbio, il Bagnai ha pienamente ragione nel puntare il dito contro l’ammucchiata di stampo lobbistico e trasversale che compone il partito democratico, il quale più di tutti ha pascolato nelle stanze di governo nel periodo storico appena citato. Sostenendo e sponsorizzando con tutte le sue forze l’integrazione europea, per mezzo di un sistema che costringe le economie meno competitive a riallineare gli squilibri macroeconomici attraverso la compressione dei salari; fatto assai poco “di sinistra”.

C’è un però! grosso come un castello…..

Il senatore leghista oggi è lui al governo, ed oltre alla dovuta e comprensibile querelle politica per la sopravvivenza sulla poltrona, nessuno griderebbe allo scandalo se con pieno diritto gli chiedessimo di mettere in atto quelle che sono le scelte giuste per il bene del popolo italiano, quantomeno per il rispetto del ruolo istituzionale che ricopre.

Oltretutto, dopo che ha dimostrato a più riprese (per averlo rinfacciato, con puntuale precisione dottrinale, agli altri) di essere ben ferrato in materia e quindi perfettamente in grado di sapere quale siano le cose giuste da fare per il bene della nazione intera.

Ed invece ecco come, Bagnai – con una disonestà intellettuale oltre l’indecenza – liquida il  tema fondamentale del salario minimo:

“la stessa UE dice che non esiste un tema di salario minimo in Paesi come l’Italia, dove la contrattazione collettiva ha una copertura estesissima”

Ancora una volta, come già avvenuto sul tema trasferibilità dei crediti fiscali, Bagnai è costretto a prostituirsi intellettualmente, per allinearsi alla posizione del governo che sostiene. Un governo che come ben sappiamo, sui temi fondamentali, è completamente appiattito su quello precedente guidato da Mario Draghi, contrarietà al salario minimo compresa.

Il “non va bene all’Europa” usato dal senatore leghista per abbattere la trasferibilità dei tax-credit diventa il “ce lo dice l’Europa”, per togliere definitivamente di mezzo l’idea del salario minimo.

Salvo poi constatare nella realtà dei fatti, che l’Europa in queste decisioni non c’entra un bel niente!

Riguardo all’uso ed ai criteri di contabilizzazione nel bilancio dello Stato dei tax-credit, Eurostat ha definitivamente demandato ad Istat e per quanto concerne il salario minimo, ogni paese membro è libero di decidere in piena autonomia il tipo di azione fiscale da intraprendere.

Tant’è vero che il paese “falco” per eccellenza, ossia la Germania, sarebbe pronta ad aumentare il salario minimo da 12 a 14 euro l’ora, di fatto andando nella direzione opposta alla nostra. Quello che i nostri governanti non vi dicono è che nel paese “falco” per eccellenza, dal 2015 su spinta del Partito socialdemocratico (Spd) – allora partner di governo della grande coalizione guidata dalla cancelliera Angela Merkel – è pressoché in atto una specie di scala mobile che da 8,5 euro all’ora ha visto gli stipendi arrivare ai 14 euro del sopracitato aumento in addivenire. [4]

Ma Bagnai non si ferma qua, va ben oltre! dichiara addirittura che la massiccia presenza della contrattazione collettiva sarebbe elemento che rende impossibile l’introduzione del salario minimo nel nostro paese, di fatto smentendo se stesso ed i suoi studi.

Cosa c’entra mettere sullo stesso piano una decisione di politica fiscale del governo (l’introduzione del salario minimo) – di fatto l’unico soggetto che nel sistema economico può agire in modo anticiclico e decidere autonomamente il livello dei salari in quanto monopolista della moneta – con la contrattazione collettiva che avviene tra due soggetti che appartengono al settore non-governativo e che operano con obbiettivi opposti?!

I due soggetti in questione, che si trovano ad affrontare una partita non del tutto equa, sono: i lavoratori, i quali cercano il lavoro per mangiare e gli imprenditori che al contrario cercano i lavoratori solo e soltanto se intravedono l’opportunità di ottenere un profitto.

Nella partita della contrattazione collettiva, si aggiunge anche un terzo “player” – che come giustamente conferma anche Bagnai stesso – negli ultimi trenta anni ha responsabilità enormi su come si è approdati all’attuale livello di estrema precarietà nel mondo del lavoro.

Sto parlando dei sindacati, che da baluardo protettore dei lavoratori, si sono lentamente prima appiattiti e poi definitivamente seduti sul tavolo delle trattative, dalla parte dei grandi imprenditori – i quali poi nella realtà sono coloro che alla fine decidono l’ammontare del salario – e che a differenza dei lavoratori, hanno sempre avuto molti più argomenti per garantire ai maggiori esponenti delle varie sigle sindacali, carriere e poltrone sempre più appetibili.

Quindi, è talmente chiaro e provato in dottrina, che in base alla teoria dei giochi ben nota al mondo accademico (che il prof. Bagnai certamente conosce alla perfezione), è del tutto indispensabile – per rendere la partita equa – che a questo tavolo partecipi il governo in qualità di produttore infinito di quella merce, che denomina appunto i contratti di lavoro in questione.

Il governo è l’unico che può mettere mano per risolvere in modo definitivo la questione e fare in modo che i lavoratori possano tornare ad avere quella tranquillità finanziaria necessaria per poter crescere le loro famiglie con la dovuta serenità.

Ed oggi al governo ci sei TU, Caro Alberto Bagnai….. con tutte le competenze necessarie che ti riconosciamo, per mettere fine a questa immane tragedia che colpisce la maggioranza dei lavoratori italiani, ormai da troppo tempo.

In difetto, sarai responsabile come tutti gli altri ed anche più degli altri, visto che sai perfettamente come funzionano le cose!

di Megas Alexandros

Note:

[1] Full-Employment-AND-Price-Stability.pdf (moslereconomics.com)

[2] Bagnai attacca Padoan: perché | Wall Street Italia

[3] Italia l’unico paese in Europa dove in 30 anni i salari medi sono calati – Il NordEst Quotidiano

[4] Salario minimo a 14 euro l’ora: la Germania non segue l’esempio dell’Italia (money.it)

Articoli Correlati

L’Europa non esiste!

L’Europa non esiste!

di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani) I popoli europei tra pochi giorni sono chiamati alle urne per quello che in realtà è molto più...

5 Commenti

  1. cincinnato1961

    allora non hai letto la mia storiella dell’amico che durante la leva militare era un accanito ribelle, ma poi promosso caporale si è trasformato in uno sgherro….
    funziona così ad ogni livello…esiste un sistema,che giusto o sbagliato che sia non si può cambiare perché costerebbe troppo..
    (esempio l’euro,una nave salpata dal porto che non si sa dove ci porterà e che non può tornare indietro perché il porto di partenza non esiste piu ,a meno che fare una rivoluzione col sangue…ma chi è disposto a lottare?il frocismo woke gbtqrtocm?quelli che imbrattano i monumenti?)
    l’unica possibilità è fare in modo che il sistema si possa ..diciamo…. plasmare e correggere per risolvere le varie istanze..
    e la democrazia è il miglior contratto sociale possibile non tanto perché il pecorume illuso dal voto è convinto di decidere delle sue sorti,
    tutte stronzate quelle del popolo sovrano..il popolo non conta un cazzo…ma ha comunque una possibilità:quella di rompere i coglioni!!!
    Perché nella democrazia è possibile fare opposizione,protestare recriminare e alla fine ottenere, come è successo durante i quarantanni di opposizione comunista e come è successo per un brevissimo periodo..un breve lampo con i grillini..
    Infatti, guarda caso una volta che l’ex pci è andato al potere, tutto è finito a puttane e lo stesso oggi con i grillini..
    Voglio dire con questo che il nostro paese sta andando alla malora proprio perché non esiste piu un opposizione,al punto che anche i sindacati si sono rivelati una consorteria…un magna magna….altrimenti come sarebbe potuto succedere che quel negro e le sue troie si fottessero tutti quei milioni dietro al paravento delle cooperative e proprio dei sindacati stessi?
    E lascia perdere il professore da scuole serali universitarie per fuori corso che tanto…oramai è ammanicato e come ogni notte di certo gode ed eiacula davanti allo specchio travestito da donna mentre fa l’amore con se stesso…..che è roba che qualcuno l’ha beccato..e magari pure ripreso…
    al punto da fargli rinnegare oggi le ovvietà che ha detto fino a ieri!!!!
    Funziona così purtroppo!!!!
    Comunque una scappatoia ce l’ha offerta questa farsa del covid e del vaccino:intanto sappiamo che non siamo in pochi quelli che ancora ragionano con la nostra testa!!!!Un capitale umano da non disperdere!!!!E questo è importante per provare almeno a non fare la fine della francia e dei francesi che si stanno giocando la loro democrazia solo perché hanno aspettato troppo tempo per accorgersi di essere stati fregati e cominciare a protestare in massa…..si è vero c’erano i gilet gialli….ma sono stati marginalizzati proprio da quelli che oggi si fanno massacrare di manganellate!!!!

    Rispondi
    • Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani)

      Sempre interessanti i tuoi commenti, ma questo lo è ancora di più….. mi confermi la storia di “Pluto”, beccato con qualche video e quindi sotto scacco???

  2. cincinnato1961

    ..no…assolutamente non posso confermare…….mi rifaccio magari ad un eminente politico in auge fino a una decina di anni fa ..che(DICONO)amava fare le saune con un suo coinquilino…
    pluto al suo confronto è una makkietta…seppure tanto, ma tanto vanesia..(del resto lo si vede)
    ma ammesso e non concesso….a prescindere da tutto….debbono rimanere solo battute…. chiacchiere da pseudocomari in menopausa
    ….GUAI SPUTTANARE UNA PERSONA..SOLO PERCHé GLI PASSA PER IL CRANIO QUALCHE FANTASIA BORDER LINE…
    anche se questo è purtroppo quello che succede….(e..magari fosse solo per capriccetti sessuali!!!!)..

    Rispondi
  3. buondiavolo

    Cosa c’entra mettere sullo stesso piano una decisione di politica fiscale del governo (l’introduzione del salario minimo) – di fatto l’unico soggetto che nel sistema economico può agire in modo anticiclico e decidere autonomamente il livello dei salari in quanto monopolista della moneta – con la contrattazione collettiva che avviene tra due soggetti che appartengono al settore non-governativo e che operano con obbiettivi opposti?!

    Rispondi
    • Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani)

      La domanda quale sarebbe???

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEGA ALEXANDROS (ALIAS FABIO BONCIANI)

Economista
Modern Monetary Theory specialist
Author of ComeDonChishiotte